domenica 11 giugno 2017

Il Nisse o Tomte


Un Nisse, Tomte (Tomtar plurale o tomtarna plurale, articolo determinativo), Tomtenisse  o Tonttu  è una creatura mitologica dal folklore scandinavo oggi tipicamente associato con il solstizio d'inverno e il Natale. Esso è generalmente descritto come un essere non più alto di 90 cm con una lunga barba bianca, ed indossa un cappello conico di colore rosso o con alcuni brillanti. Spesso hanno un aspetto in qualche modo simile a quello di un nano da giardino (che sono anche chiamati trädgårdstomte in svedese, havenisse in danese e hagenisse in norvegese).
Il Nisse è una delle creature più familiari del folklore scandinavo, ed è apparso in molte opere di letteratura scandinava. Nel corso del 19 ° secolo, il Nisse ha guadagnato popolarità. Nelle edizioni in inglese di fiabe di HC Andersen, la parola Nisse è stata erroneamente tradotta come Goblin.
Il Nisse / Tomte è un'eco dell'antico culto ancestrale . E 'stato a volte visto come il contadino che si trasferì nella foresta per costruire la fattoria e che in epoca pre-cristiana sarebbe stato sepolto nei pressi della stessa in un tumulo. E 'stato a volte indicato come haugkall o haugebonde , dal norreno haugr che significa tumulo. Altri nomi sono tuftekall, tomtegubbe, tutti i nomi che collegano l'essere alle origini della fattoria (terra dell'edificio) o a un tumulo. Si pensava che il Nisse è uno spiriti più legato alle generazioni, esistono infatti riferimenti ad essi  che attentano come questi si spostassero con la famiglia o clan, in movimento.
Nisse può derivare da norreno niðsi , che significa "piccolo parente caro" o dalla germanica water-sprite nixie. Nisse è anche un nome comune in danese e nel dialetto meridionale della Svezia diventa skånska; è usato come un soprannome per Niels / Nils, e il suo utilizzo nel folklore proviene da espressioni come Nisse god dräng ( "Nisse bravo ragazzo",). La svedese Tomte deriva dal termine usato per un luogo di residenza e l'area di influenza: il lotto o tomt .
Secondo la tradizione, il Nisse vive nelle case e nei fienili della cascina, segretamente agisce come tutore. Se lo si tratta bene, protegge la famiglia e gli animali dal male e dalla sfortuna,  può anche aiutare le faccende e lavori agricoli o domestici.
Tuttavia, essi sono noti per essere di temperato dispettoso, specialmente quando offesi. Una volta insultati, sono soliti giocare brutti scherzi, rubare oggetti e addirittura mutilare o uccidere il bestiame.

Aspetto:
Il Nisse / Tomte era spesso immaginato come un piccolo uomo anziano, spesso con una folta barba; vestito nel tradizionale abito contadino, costituito da un pull-over con cintura in vita e alle ginocchia calzoni con le calze. Questo era  l'abito maschile comune nella Scandinavia rurale nel 17 ° secolo, e da quindi un'indicazione sull’'idea della diffusione Tomte. Tuttavia, ci sono anche racconti in cui si crede sia un essere  mutaforma in grado di prendere una forma di gran lunga più grande di un uomo adulto, e in altri racconti  si ritiene che il Nisse avesse un unico, ciclopico occhio. In Danimarca oggi, i Nisser sono spesso visti senza barba, con indosso abiti di lana grigia e rosso e con un berretto rosso. Dal momento che Nisser si pensa che siano bravi nelle illusioni e talvolta in grado di rendersi invisibili, era improbabile avere migliori scorci di esso e quindi non importa che aspetto avesse. Il folklore norvegese afferma che ha quattro dita, e, talvolta, orecchie a punta e gli occhi che riflettono la luce nel buio, come quelli di un gatto.

Carattere:
Un'illustrazione fatta da Gudmund Stenersen di un Tomte, lo ritrae nell’atto di rubare fieno, arrabbiato ad un contadino.
Nonostante la sua piccola dimensione, il Nisse possedeva una forza immensa . Viene facilmente offeso dalla negligente mancanza di rispetto degli agricoltori pigri. Come protettore della fattoria e custode del bestiame, le sue risposte per cattive osservanze si esprimeva attraverso piccoli scherzi fino a pene più severe, come uccidere il bestiame o portare sfortuna alla fattoria. Il rispetto delle tradizioni è importante per il Nisse a lui non piacciono i cambiamenti nel modo in cui le cose vengono fatte nella fattoria. Viene anche facilmente offeso dalla maleducazione: contadini che spergiurano, che urinano nelle stalle, o che non trattano bene le creature, sono sotto la minaccia di “botte” da parte del Tomte/Nisse. Se qualcuno versa qualcosa sul pavimento in casa, si è ritenuto un adeguato avvertimento del Tomte.
Un Tomte arrabbiato è anche descritto in un libro per bambini dell’autore svedese Selma Lagerlöf , Nils Holgerssons Underbara resa genom Sverige ( viaggio meraviglioso di Nils Holgersson attraverso la Svezia ). Il Tomte trasforma il bambino cattivo Nils, in un Tomte all'inizio del libro, e Nils poi viaggia attraverso la Svezia sul dorso di un'oca.
È quindi, richiesto di compiacere lo spirito con doni - un dono particolare, era una ciotola di porridge nella notte di Natale. Se al Tomte non viene dato il suo pagamento, avrebbe lasciato la fattoria o la casa, o avrebbe fatto del male, come legare le code delle mucche insieme nella stalla, girare gli oggetti a testa in giù, e rompere le cose (come un troll ).
Al Nisse piace il suo porridge con una noce di burro. In una storia si raccontata, che un contadino ha messo il burro sotto il porridge. Quando il Nisse della sua cascina non vide il burro pensò che mancasse, quindi pieno di rabbia uccise la mucca che riposava nella stalla. Ma avendo poi tanta fame, tornò al suo porridge e lo mangiò, così ha trovò il burro sul fondo della ciotola. Pieno di dolore, poi si affrettò a cercare nelle terre per trovare un altro agricoltore con una mucca identica, sostituendo poi la prima con la seconda. In un altro racconto una cameriera norvegese decise di mangiare il porridge destinato al Nisse, ed è finita picchiata duramente dal Nisse. La creature le disse: "Hai mangiato il porridge per il Nisse, devi ballare con lui!". Il contadino trovò la cameriera quasi senza vita la mattina dopo.
Il Nisse è collegato ad animali da allevamento in generale, ma il suo animale più prezioso è il cavallo.Il folklore racconta che si poteva vedere quale cavallo era il preferito del Tomte, da come se ne sarebbe preso particolarmente curata. Famosissime sono le “Trecce delle Fate” che si trovano sui crini dei cavalli, nodi che si formano in questi. Si pensava che fosse proprio il Tomte a farli e che trovare questi intrecci sciolti, o scioglierli, poteva significare sventura o far arrabbiare il Tomte.
Alcune storie raccontano di come il Nisse potrebbe sembrare pazzo, o mordere. Il morso di un Nisse è velenoso, ed è prevedeva un intervento di guarigione ultraterreno. In una storia, una ragazza che è stata morsa, appassì e morì prima che l'aiuto arrivasse.

Nisse dopo la cristianizzazione 
Il Nisse o Tomte era nei tempi antichi considerato "l'anima" del primo inhabitor della fattoria; colui che costruì la tomt (casa). Come abbiamo etto tali proprietari terrieri una volta morti avevano i propri tumuli funerari nella fattoria, quindi i nomi svedesi divennero spesso: tomtenisse e tomtekarl , svedese e norvegese tomtegubbe e tomtebonde ( "tomte contadino"), husnisse danese ( "casa nisse"), in norvegese haugkall ( "tumulo uomo"), e il finlandese Tonttu-Ukko ( "casa molto uomo" illuminato).
La Nisse non è sempre stato una figura popolare, in particolare durante e dopo la cristianizzazione della Scandinavia. Come la maggior parte delle creature del folklore sarebbe stato visto come pagano (pre-cristiana) e quindi demonizzato e collegato al Diavolo. Gli agricoltori che credono di avere in casa un Tomte potevano essere visti come adoratori di falsi dei o dei demoni; in un famoso decreto del 14 ° secolo Santa Brigida mette in guardia contro il culto di tompta gudhi , "dèi Tomte" ( Revelationes , libro VI, cap. 78).
Il Folklore cristiano aggiunse altre credenze negative sul Tomte, come ad esempio che avere un Tomte in casa significava mette il destino della tua anima a rischio, o che si dovevano svolgere vari riti non cristiani per attirare un Tomte nella fattoria.
La credenza che un Nisse porta ricchezza alla fattoria con il suo lavoro invisibile, poteva anche trascinare in conflitti tra vicini di casa. Se un agricoltore stava facendo molto meglio per se stesso che agli altri, qualcuno poteva dire che era stato grazie a un Nisse in azienda, che facendo un lavoro "empio" rubava dai vicini. Queste voci potevano essere molto dannose per l'agricoltore che si trovava accusato, proprio come avveniva per le accuse di stregoneria durante le inquisizioni .

Folklore Simili
Le azioni dei Nisse hanno molti aspetti in comune con altri spiriti scandinavi come la svedese vättar (dal norreno vættr ), Danese vætter , Norvegese Vetter o Tusser . Questi esseri sono sociali, e vivono in gruppi, mentre il Tomte è sempre solitario (anche se ora è spesso raffigurato con altri Tomtar). Sinonimi di Tomte comprende gårdbo ( "(fattoria) da giardino-Dweller"), gardvord ( "cantiere-custode", vedi vörðr ) in tutte le lingue scandinave, e dio Bonde ( "buon contadino"), gårdsrå ( "cantiere-spirito") in svedese e norvegese e fjøsnisse ( "granaio gnomo") in norvegese.
 Il Tomte potrebbe anche abitare una nave per la sua casa, ed è stato poi conosciuto come un skeppstomte / skibsnisse . In altri folklorei europei, ci sono molti esseri simili al Tomte, come ad esempio gli scozzesi e inglesi Brownie , Northumbrian, il tedesco Heinzelmännchen , l'olandese Kabouter o slavo Domovoi .
La parola finlandese Tonttu è stato preso in prestito dallo svedese.
La tradizione del Nisse / Tomte è anche associata con il Natale (svedese: Jultomten , danese: "Julemanden" o "Julenissen", norvegese: Julenissen .) Il Tomte è accompagnato da un'altra creatura mitologica: la capra di Yule ( Julbocken ). La coppia appare alla vigilia di Natale, per bussare alle porte delle case della gente, distribuendo regali.
Il Nisse consegnerà doni alla porta, in accordo con la tradizione moderna della visita di Babbo Natale. Il Tomte /Nisse è anche comunemente visto con un maiale, un altro Simbolo popolare del Natale nella Scandinavia, probabilmente correlato alla fertilità e il loro ruolo di guardiani della cascina. E 'consuetudine lasciare una ciotola di porridge con il burro per il Tomte / Nisse, in segno di gratitudine per i servizi resi.


Fonti:
wikipedia
The Masks of Odin: Wisdom of the Ancient Norse - Elsa Brita Titchenell
NON COPIARE SENZA AUTORIZZAZIONE E SENZA CITARE LA FONTE!

1 commento:

  1. Anche loro fanno parte dello studio di oggi, c'è da dire che sono particolarmente interessanti

    RispondiElimina